Emozioni del tempo

Mercoledì 14 marzo 2018, come da programma, i genitori delle classi prime dell’ Istituto Corsaro, hanno partecipato al terzo dei quattro incontri previsti per l’ A.S 2017/2018 del Progetto SPAZIO ai GENITORI, uno spazio/momento di riflessione e di confronto, un’importante iniziativa, giunta oramai al terzo anno, nata per offrire la possibilità a chi vive l’esperienza della genitorialità, di condividere i pensieri, le emozioni e le decisioni che riguardano l’inedito viaggio intrapreso e di ampliare la conoscenza di sé, dei propri figli e delle modalità relazionali messe in gioco in tale rapporto.

“Emozioni del tempo”: questo il tema della serata su cui ciascun partecipante ha potuto riflettere in gruppo, mettendo in circolo, attraverso la propria esperienza, vissuti e sentimenti legati all’ essere genitore in tempi critici, dal punto di vista sociale ed educativo.

Partendo da alcuni stimoli, la dott.ssa Assunta Marrone, Psicologa Psicoterapeuta, ha condotto il gruppo ad una condivisione di idee, sollecitando interrogativi ed osservazioni rispetto al tema proposto: la conoscenza “reale” dei propri figli e la difficoltà a mantenere il proprio ruolo in una società che sempre di più somiglia ad una “gabbia di leoni” e la cui recinzione è molto spesso travalicabile.

Se uno dei compiti della genitorialità è dire “un no che sia un no” si svela facilmente una delle cause della crisi della famiglia di oggi. “E’ difficile per la famiglia dire no e far vivere l’esperienza del limite quando tutto intorno ci sono solo sì e tutto si consuma velocemente” .

Questo ciclo di incontri desidera accogliere questo, gli interrogativi dei partecipanti, sostenerli ed aiutarli ad essere protagonisti consapevoli del rapporto con i loro bambini e della loro crescita.

Nella relazione genitore- figlio, il libero fluire d’affetti, emozioni, idee e pensieri è la base per la crescita completa e armonica della personalità del bambino, nella quale trovano la possibilità di esprimersi tutte le potenzialità. Allo stesso tempo, la capacità del genitore di porre limiti ed essere autorevole permette al figlio di sperimentarsi all’interno di un campo di esperienze, sufficientemente protetto, che lo rassicura.

Per concludere questo ciclo, l’incontro si è concluso dandosi appuntamento al 15maggio, occasione in cui i genitori partecipanti insieme ai loro figli, si sperimenteranno  in un’ attività condivisa con la consapevolezza di essere cresciuti come persone insieme a loro.

Grazie, grazie a quei genitori che, con impegno e fiducia, hanno reso possibile tutto questo!

Ti potrebbe interessare anche...